IL CALENDARIO WICCA 1° parte

La Ruota dell'anno e i Giorni Misteriosi

Le ricorrenze di cui andremo a parlare, sono proprie di un calendario antichissimo, che ripartiva l’anno in due semestri – uno con inizio a Maggio, l’altro a Novembre – suddivisi a loro volta in due trimestri.

La Ruota dell’anno” scandiva la vita di popolazioni dedite alla caccia e alla pastorizia più che all’agricoltura, infatti, 1’inizio dei due semestri segna l’apertura delle stagioni in cui gli animali, siano essi selvatici o domestici, procreano.

SAMHAIN

Notte d’incanto

Un aspetto importante della vita degli antichi popoli tribali d’Europa, era la concezione del tempo. Oggi, noi tutti abbiamo un’idea lineare del fluire del tempo: la vita scorre tra ieri e domani e noi ci affanniamo affinché il domani giunga presto e sia migliore di ieri. Ciò porta a delle conseguenze spesso estenuanti dal punto di vista psicologico. Nella prospettiva lineare, siamo indotti da un lato a vivere nel passato (rimpiangendone gli errori) e dall’altro ad anticipare il futuro (preoccupandoci di ciò che di negativo potrebbe accadere).

Le antiche genti che popolavano l’Europa, avevano invece una visione ciclica del tempo che era certamente più… distensiva, perché si basava sui ritmi naturali della Madre Terra.

A Samhain, la Dea Madre, abbandonate le rassicuranti e benevole sembianze sotto cui elargisce l’abbondanza, scende nel mondo degli inferi, nelle vesti di implacabile e tenebrosa purificatrice. Un ruolo oscuro, forse, ma necessario. Non è difficile immaginare cosa accadrebbe, se il ciclo produttivo della terra e degli alberi non si concedesse una pausa per rinnovarsi. Le messi e le piante si esaurirebbero e lo stesso accadrebbe se il ciclo riproduttivo degli animali, iniziato in primavera, continuasse senza soste. La sovrappopolazione segnerebbe la fine delle varie specie. La visione ciclica, consente di comprendere il ripetersi delle stagioni che scandiscono le varie fasi della vita, sia in natura che tra gli esseri umani. Così come la terra, anche l’uomo ha la necessità di rigenerare se stesso, per affrontare con rinnovata energia il susseguirsi degli avvenimenti e delle imprese che lo vedono coinvolto.

Le stagioni che costituivano la rassicurante ruota del tempo antico, erano due: la Stagione dei Mesi Luminosi e la Stagione dei Mesi Oscuri.

Il passaggio dall’una all’altra avveniva la notte del 31 Ottobre, la notte di Samhain, in cui estate e inverno si univano magicamente, come il dio Dagda e la dea Morrigan.

YULE

Il periodo solstiziale

Yule viene festeggiato la notte 21 Dicembre, cioè durante il solstizio d’inverno. E’ l’ultima notte in cui il buio vince la luce. Da Yule in poi, la luce del Sole durerà sempre più a lungo e inizierà a riscaldare i semi che per tutto l’autunno e parte dell’inverno, hanno dormito nel grembo della Dea Terra. Yule segna il momento in cui rinasce il Sole. Il Vecchio Sole cala all’orizzonte per morire, proprio nel punto in cui all’alba nascerà il Nuovo Sole, più vigoroso e prodigo del precedente.

Forse è il motivo per cui, in varie tradizioni religiose, proprio a questo periodo dell’anno viene fatta risalire la nascita di un giovane Dio (Gesù, Horus, Pan, Mitra…).

Nello stesso modo, il processo di morte-rinascita sancito da Yule, influisce profondamente anche sull’animo umano, sull’inconscio solare.

L’inconscio solare, secondo la scienza esoterica, contiene gli schemi mentali sbagliati, costruiti in base ai ricordi e agli istinti, che sono conservati nell’inconscio lunare. Un breve esempio: se nell’inconscio lunare sono rinchiusi i ricordi di brutte esperienze sentimentali, questi si traducono nell’inconscio solare, in schemi mentali volti a ostacolare o addirittura ad annientare, ogni futura possibile relazione, al solo scopo – naturalmente inconscio – di non incorrere in nuove sofferenze.

In questo caso, l’azione di Yule si traduce nella progressiva rottura del guscio, della corazza, che circonda il nostro inconscio solare, portando alla luce e rivelando alla nostra consapevolezza gli schemi sbagliati, permettendoci di combatterli e vincerli. Solo dopo potrà iniziare la nostra evoluzione spirituale; solo dopo potremo davvero far felice chi amiamo, posto che un inconscio malato porta sempre a ferire chi ci circonda.

Per invocare l’aiuto degli dei, affinché favoriscano questo processo di cambiamento interiore, esistono rituali da eseguire possibilmente in gruppo. Si tratta di antiche invocazioni tramandate nei secoli, di cui quelli che seguono sono alcuni esempi.

Noi celebriamo, con questa sacra adunanza, la rinascita del Dio sole. Egli è il figlio della Grande Madre. Egli è il signore della vita che nuovamente nasce. Dall’unione del Dio e delle Dea, celati nel Regno delle Ombre, noi riceviamo ora il figlio della promessa.”

Preghiera rivolta al Dio che rinasce:

"Salute a te, oh, fonte di ogni luce!

Io ti prego: illumina la mia mente affinché io possa percepire più chiaramente tutte le cose in cui opero i miei sforzi e illumina la mia anima, infondendole l’essenza della purezza.

Io ti prego: emana il tuo amore e il tuo calore affinché il freddo e i rigori dell’inverno non stremino i tuoi seguaci.

Oh, antico dio ascoltaci! Proteggici e provvedi a noi in questa stagione aspra. Noi ti adoriamo e ci mettiamo nelle tue mani. Benedetti siano tutti nel dio!"

Posted in:

Elasar

Maestro Wiccan e Sciamano di 3° livello

Elasar

Ciao! Mi chiamo Elasar e ti do il benvenuto nel forum che ho creato per unire tutte le persone che credono nella magia e nell’amore… o se preferite nella magia dell’amore in quanto l’amore è magia! Credo fermamente che ciò che oggi venga definito “magia” altro non sia che un modo per attribuire significato a ciò che non si comprende ma esiste realizzando a volte desideri. In fondo non c’è niente di così astratto nella magia, basti pensare a tutte le energie che non si possono vedere ma esistono.

Visita il mio nuovo sito legamenti d’amore
Credo nella mia sensitività, ho dedicato e dedico tutt’ora la mia vita, alla dottrina, anzi alla filosofia degli Sciamani e degli Wiccan unici eredi saggi delle conoscenze di tutte le energie della natura. Amo affrontare le questioni di cuore delle persone senza precludere alcuna opzione, sia questa di natura terrena che esoterica, perché in fondo l’amore è la più misteriosa delle magie!